You are currently viewing PARITÀ’ DI GENERE- La nuova task force del governo è formata solo da uomini

PARITÀ’ DI GENERE- La nuova task force del governo è formata solo da uomini

“L’Italia rifiuta la meritocrazia. Così le donne non andranno mai al potere”.

E. Bonino

Così Emma Bonino parla durante un’intervista al Corriere della Sera riguardo alla nuova composizione del Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid-19.

Questi sono infatti i nomi degli esperti:

  • Agostino Miozzo
  • Silvio Brusaferro
  • Claudio D’Amario
  • Mario Dionisio
  • Achille Iachino
  • Sergio Iavicoli
  • Giuseppe Ippolito
  • Franco Locatelli
  • Nicola Magrini
  • Giuseppe Ruocco
  • Nicola Sebastiani
  • Andrea Urbani
  • Alberto Zoli
  • Massimo Antonelli
  • Roberto Bernabei
  • Fabio Ciciliano
  • Ranieri Guerra
  • Francesco Maraglino
  • Luca Richeldi
  • Alberto Villani

Riconoscete qualcosa di comune tra questi nomi? Esatto, sono tutti uomini.

Ancora una volta in Italia vediamo un evidente problema di parità di genere, ma questa non è una novità purtroppo.

I dati in Italia sono sconfortanti, in un recente sondaggio che +Europa ha posto a diverse donne italiane risulta che 6 donne su 10 dichiarano di sentirsi discriminate sul lavoro e quasi 8 su 10 si sentono penalizzate in una carriera politica.

Su quest’ultimo punto anche 7 uomini su 10 ritengono che le donne siano penalizzate in politica.

In un momento di emergenza come quello in cui ci troviamo ora però, le donne in politica europea riescono comunque ad ottenere grandi risultati: la cancelliera tedesca Angela Merkel riesce a contenere la percentuale di morti nel suo paese attorno all’1-2% e la premier norvegese Erna Solberg sceglie di rivolgere una intera conferenza stampa direttamente ai bambini.

Solberg, dimostrando una grandissima umanità spiega loro l’emergenza senza filtri, raccoglie le loro domande e le loro insicurezze per rassicurarli di persona.

Una grande lezione di empatia per gli altri suoi colleghi premier europei.

Fonti

www.salute.gov.it
il Messaggero
la Repubblica

Lascia un commento