You are currently viewing Giornata mondiale dell’Alimentazione

Giornata mondiale dell’Alimentazione

Il 16 ottobre di ogni anno la FAO celebra la Giornata mondiale dell’alimentazione, che mira a promuovere interventi e una maggiore consapevolezza su tutti quelli che soffrono la fame e sulla necessità di garantire la sicurezza alimentare e diete nutrienti per tutti. Il mondo ha fatto grandi passi in avanti nella lotta contro la povertà, la fame e la malnutrizione. La produttività agricola e i sistemi alimentari hanno fatto molta strada. 

Ciononostante, troppe persone sono ancora vulnerabili. Oltre 2 miliardi di persone non ha accesso regolare a sufficiente cibo sano e nutriente. A questa sfida si è aggiunta la pandemia del COVID-19, che minaccia di invertire importanti traguardi raggiunti nell’ambito della sicurezza alimentare, della nutrizione e dei mezzi di sussistenza. Ora è il momento di affrontare le persistenti disuguaglianze e inefficienze che continuano ad affliggere i nostri sistemi alimentari, le economie e le strutture di assistenza sociale. È giunto il momento di risollevarci. 

Ci troviamo a un punto di svolta negli sforzi internazionali per raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS). Nel 2020 è iniziato il Decennio d’ Azione per raggiungere gli Obiettivi Globali: porre fine alla povertà e alla fame, proteggere il pianeta e garantire prosperità per tutti. L’OSS2 (i cui obiettivi, oltre quelli citati, riguardano anche la promozione dell’agricoltura sostenibile), sottolinea la necessità di raggiungere la sicurezza alimentare migliorando l’accesso ad alimenti nutrienti attraverso sistemi alimentari sostenibili. C’è ancora molto lavoro da fare. Mai come ora sono necessarie soluzioni innovative e solide alleanze.

Partiamo da qualche dato:

  • Oltre 2 miliardi di persone non ha accesso regolare a sufficiente cibo sano e nutriente.
  • Circa 135 milioni di persone in 55 paesi soffre di fame acuta e ha bisogno urgente di cibo, nutrizione e assistenza per i mezzi di sussistenza. 
  • Secondo le previsioni la popolazione mondiale sarà di circa 10 miliardi entro il 2050, il che aumenterà notevolmente la domanda di cibo. 
  • Ogni anno circa il 14% del cibo prodotto per il consumo umano va perso prima che possa raggiungere i mercati all’ingrosso. 
  • Oltre 3 miliardi di persone in tutto il mondo non hanno accesso a internet e la maggior parte vive in aree rurali e remote. з piccolз agricoltorз hanno bisogno di un maggiore accesso all’innovazione, a finanziamenti e alla formazione per migliorare i loro mezzi di sussistenza. 
  • La produzione alimentare intensiva, abbinata a al cambiamento climatico, sta causando la rapida perdita di biodiversità. Oggi solo nove specie vegetali rappresentano il 66% della produzione agricola totale. 

RESILIENZA E SOSTENIBILITA’:

Circa l’80% delle persone estremamente povere nel mondo vive in aree rurali e la maggior parte dipende direttamente dall’agricoltura come mezzo di sussistenza. Per migliorare la vita in modo sostenibile dobbiamo trasformare

le modalità in cui il cibo viene prodotto, trasformato, commercializzato, consumato e smaltito, al fine di poter soddisfare le nostre esigenze future senza danneggiare ed esaurire la biodiversità e le altre risorse naturali da cui dipendiamo tutti.

LA CRISI DEL COVID-19:

Garantire l’accesso ad alimenti sani e nutrienti è una parte fondamentale della risposta al COVID-19. Le misure adottate per rallentare la diffusione del COVID-19 hanno contribuito a salvare molte vite. Tuttavia, alcune restrizioni legate alla pandemia hanno reso l’accesso al cibo e al reddito ancora più difficile per le famiglie vulnerabili, in seguito all’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e al calo dei salari nella

maggior parte dei paesi che già stavano affrontando una crisi alimentare. 

Cosa possono fare i paesi?

• Soddisfare le esigenze immediate delle popolazioni vulnerabili attraverso l’assistenza alimentare d’emergenza e reti di sicurezza sociale migliori e più accessibili.

• Sostenere la divulgazione e l’uso dei dati.

• Implementare misure urgenti per incrementare la disponibilità di cibo da parte deз  piccolз agricoltorз.

• Istituire strategie basate sui fatti e assistenza legale per i sistemi alimentari sostenibili, come norme sulla nutrizione, sul lavoro dignitoso e sulle risorse della terra.

• Collaborare per rendere i sistemi alimentari più resistenti alla volatilità e agli shock climatici.

• Garantire che i sistemi alimentari sostenibili forniscano diete sane a prezzi accessibili per le persone povere e mezzi di sussistenza dignitosi per chi opera nei sistemi alimentari.

• Favorire pratiche climate-smart e rispettose dell’ambiente per tutelare le risorse naturali, promuovere la salubrità alimentare, sostenere le norme sul clima e rallentare la distruzione della biodiversità, che può contribuire all’insorgenza di malattie.

• Dare priorità all’innovazione e alla digitalizzazione per colmare il divario digitale.

• In tempi di crisi è necessario prendere in considerazione programmi governativi di approvvigionamento per acquistare materie prime da piccolз produttori per creare o incrementare le scorte di prodotti non deperibili.

• Quando si affrontano crisi sanitarie ed economiche con spese pubbliche aggressive, adottare misure per evitare la volatilità dei prezzi dei prodotti alimentari.

• Praticare la solidarietà globale o la cooperazione internazionale per evitare effetti devastanti sui piccoli agricoltori in paesi con capacità fiscali molto limitate.

Cosa può fare il settore privato? 

• Le aziende private dovrebbero investire in sistemi alimentari sostenibili e resilienti che offrano posti di lavoro dignitosi.

• Le aziende dovrebbero sviluppare, adattare e condividere tecnologie che aiutino a trasformare i sistemi alimentari.

• Le aziende alimentari e i dettaglianti del settore privato dovrebbero rendere le scelte alimentari sostenibili invitanti, disponibili e convenienti.

• Le aziende dovrebbero sviluppare programmi per ridurre al minimo le perdite e gli sprechi alimentari nella produzione e nella lavorazione, nonché consumare o condividere le

scorte in eccesso e le eccedenze di cibo.

• Le aziende dovrebbero rispettare le norme e le misure nazionali per tutelare la sicurezza alimentare, la qualità degli alimenti e il benessere del personale lungo l’intera filiera alimentare, specialmente nei paesi in via di sviluppo.

• Le aziende del settore digitale possono contribuire a costruire la resilienza delle filiere alimentari. Possono sviluppare, adattare e condividere le tecnologie per affrontare i problemi di trasporto, di domanda e offerta e contribuire ad appianare carenze o eccedenze

temporanee.

• Le aziende alimentari, comprese le aziende di e-commerce, possono sfruttare o condividere le nuove tecnologie per gestire le scorte, in particolare i prodotti altamente deperibili.

• In tempi di crisi le banche e le istituzioni finanziarie possono aiutare lз agricoltoз  con prestiti insoluti prendendo in considerazione misure come la revoca delle commissioni, il prolungamento delle scadenze di pagamento oppure offrendo piani di rientro alternativi.

• Le aziende grandi e in attivo possono aiutare a proteggere le filiere di approvvigionamento e prendere in considerazione la possibilità di estendere il credito per aiutare le piccole imprese a restare a galla.

• Le aziende possono condividere competenze o tecnologie con enti pubblici e privati per contribuire a migliorare la produzione alimentare sostenibile e i mezzi di sussistenza.

Le app per dispositivi mobili e altri strumenti digitali possono aiutare ad affrontare sfide come il cambiamento climatico, i parassiti delle coltivazioni e le pandemie.

• Le aziende dovrebbero essere consapevoli del loro impatto sulle risorse naturali e adottare un approccio sostenibile

COSA POSSIAMO FARE TUTTз?

Tuttз abbiamo un ruolo da svolgere per ottenere un mondo senza fame e malnutrizione. Non dobbiamo consentire che in tempi di crisi le abitudini sostenibili vengano trascurate. Possiamo fare scelte alimentari sane. Possiamo

fare la nostra parte per ridurre gli sprechi. Possiamo sostenere i governi, le imprese e le organizzazioni affinché condividano le conoscenze e sostengano sistemi alimentari e mezzi di sussistenza sostenibili e resilienti. Insieme possiamo coltivare, nutrire e preservare il nostro mondo.

Fonti:

FAO http://www.fao.org/world-food-day/it 

ONU https://www.rotaryperlasostenibilita.it/wp-content/uploads/2020/10/FAO-Brochure.pdf

Lascia un commento