You are currently viewing LA RUOTA DELLE EMOZIONI

LA RUOTA DELLE EMOZIONI

Ognunə di noi prova momenti confusi e nebulosi in cui non si riesce a capire esattamente cosa si stia provando. 

Questa condizione che si ha sia in momenti positivi che in momenti negativi coinvolge sia emozioni fortissime che sensazioni quasi impercettibili ed è intrinseca al nostro modo di essere. 

L’essere umano infatti può provare fino a 34000 emozioni diverse. 

Per riuscire a mettere ordine in tutte queste sensazioni, negli anni ’80 del 900 Plutchik ha elaborato un modello per riuscire a riconoscere precisamente quali emozioni si stanno provando. 

La ruota delle emozioni utilizza le 8 emozioni primarie come base per costruire e riconoscere le altre.

Una sorta di piramide rovesciata con alla base le emozioni più semplici che man mano si sviluppano. 

Questa teoria dai primi anni 2000 è stata largamente utilizzata per aiutare persone con alessitimia che non riescono a riconoscere le proprie emozioni in determinate situazioni. 

La complessità sempre più crescente nelle nostre società l’ha resa sempre più utile in molteplici situazioni. 

Questo “fiore gigante” sembra complesso da utilizzare ma interpretarlo è semplice e può essere molto utile per riuscire a riordinare le idee e mantenere lucidità in situazioni che sembrano investirci senza controllo.

LE LINEE GUIDA PER USARE LA RUOTA DELLE EMOZIONI:

Primarie: Gli otto settori sono concepiti per indicare che ci sono otto emozioni primarie: rabbia, aspettativa, gioia, fiducia, paura, sorpresa, tristezza e disgusto.Opposti: Ogni emozione primaria ha un polo opposto. Queste si basano sulla reazione fisiologica che ogni emozione crea negli animali (compresi gli esseri umani… Plutchik studiò gli animali!)

  • La gioia è l’opposto della tristezza. 
  • La paura è l’opposto della rabbia. 
  • L’aspettativa è l’opposto della sorpresa. 
  • Il disgusto è l’opposto della fiducia.

Combinazioni: Le emozioni senza colore rappresentano un’emozione che è un mix delle 2 emozioni primarie. Per esempio, l’attesa e la gioia si combinano per essere ottimistз. La gioia e la fiducia si combinano per essere amore. Le emozioni sono spesso complesse, ed essere in grado di riconoscere quando un sentimento è in realtà una combinazione di due o più sentimenti distinti è un’abilità utile. 

Ci sono anche emozioni terziarie, non mostrate sulla ruota delle emozioni, che sono una combinazione di 3 emozioni.

Intensità: La dimensione verticale del cono rappresenta l’intensità – le emozioni si intensificano man mano che si muovono dall’esterno verso il centro della ruota, il che è indicato anche dal colore: più scura è la tonalità, più intensa è l’emozione. Ad esempio, la rabbia al suo minimo livello di intensità è fastidio, al suo massimo livello di intensità  diventa collera. 

Oppure, un sentimento di noia si può intensificare fino al disgusto se non viene considerato, che è di colore viola scuro.

COSA RIMANE OGGI?

Come si può capire la teoria di Plutchik è stata un primo approccio all’argomento e da allora si sono approfondite e migliorate le competenze sull’argomento. 

Esistono moltissime versioni migliorate ed ampliate di ruote delle emozioni rispetto a questa. 

Negli anni si sono scoperte infatti emozioni complesse come quelle terziarie, composte dall’intersezione di 3 emozioni o che le emozioni possano essere multiple e simultanee in relazione al grado di complessità dei fattori esterni.

Ciò che rimane e che è importante tenere a mente è che LE EMOZIONI SE LASCIATE SENZA CONTROLLO POSSONO INTENSIFICARSI.

In questo senso la ruota delle emozioni ci può aiutare a conoscerci meglio e in maniera più profonda rispetto a quello che siamo portatз a fare nella nostra quotidianità. 

Migliorare la nostra consapevolezza di ciò che proviamo nelle varie situazioni che viviamo significa non solo avere parole per le emozioni, ma anche capire come le diverse emozioni sono in relazione tra loro e come tendono a cambiare nel tempo.

Questo ci permette di essere consapevoli delle emozioni che proviamo nei vari contesti e capire se possiamo fare qualcosa per cambiarle e migliorare dinamiche che non ci fanno sentire a proprio agio.

FONTI:

https://link.springer.com/chapter/10.1007%2F978-1-4757-1987-1_1

http://www.mariangeladerogatispsicologa.it/la-ruota-delle-emozioni-di-plutchik/

https://festivalegiptoenbarcelona.com/it/la-ruota-delle-emozioni-cosè-e-come-usarla-pdf/

Lascia un commento