You are currently viewing La mascolinità come stereotipo di genere (mascolinità tossica)

La mascolinità come stereotipo di genere (mascolinità tossica)

Un vero uomo è

  • un duro
  • competitivo
  • forte
  • dominante
  • non si affida ad altri, gli altri si affidano a lui
  • non mostra debolezze, nasconde le debolezze
  • controlla le proprie emozioni, non le condivide
  • non chiede aiuto, dà aiuto

Questi pensieri si traducono in comportamenti di evitamento verso vulnerabilità emotiva e una manifestazione di mascolinità che nasconde un lato umano, e che purtroppo può alimentare ed estenuare comportamenti ad alto rischio.

Questa mascolinità estenuata a cosa porta?

  • maggiore probabilità a non mostrare emozioni
  • il disagio non viene condiviso ma tenuto dentro come self-stigma
  • non c’è richiesta di aiuto nel momento di bisogno
  • forte distress psicologico  
  • comportamenti rischiosi come uso di sostanze stupefacenti, stile di vita rischioso
  • rifiuto nel ricevere aiuto
  • il distress psicologico aumenta silenziosamente
  • maggior propensione al suicidio.

Il problema del costrutto tradizionale di mascolinità (“mascolinità tossica” o “mascolinità egemone”), inteso come forma estrema di identità di genere, sta diventando sempre di più un problema evidente, considerando le dannose ripercussioni a livello sociale e individuale che questo stereotipo alimenta.

Uomini e ragazzi sono socialmente esposti a messaggi di mascolinità come “Boys don’t cry”. Questi accrescono la probabilità di aderire sempre più radicalmente a comportamenti stereotipati e rendendo difficile mostrare vulnerabilità, debolezze, emozioni.

Diversi studi hanno correlato questi atteggiamenti di mascolinità a bassi livelli di salute mentale, suicidio e bassa tendenza a chiedere aiuto psicologico nel momento del bisogno. 

Questo perché sentirsi un vero uomo, un duro, crea uno stigma verso sé stessi. Non si vuole accettare il fatto di essere vulnerabili, di provare emozioni che non si riescono a controllare.

Chiedere aiuto (in particolar modo, riguardati la propria salute mentale) è visto in cattiva luce. E’ vista come un’ammissione di debolezza e vulnerabilità che contrasta la mascolinità che la società, implicitamente, ci suggerisce. 

Purtroppo i dati parlano chiaro.

In Italia, gli uomini sono più propensi al suicidio con un rapporto di circa 4 ad 1 rispetto alle donne.  Nel Regno Unito, nel 2018, tre quarti dei suicidi sono stati commessi da uomini. A livello globale, i dati sul suicidio maschile sono doppi rispetto a quelli delle donne.

I motivi dietro a un suicidio sono molteplici e difficili da generalizzare. E’ evidente che sia una problematica di genere legata all’espressione emotiva e alla richiesta di aiuto.

Mara Grunau, (direttrice esecutiva del Center for Suicide Prevention, Canada) sostiene che molto deriva dall’educazione ricevuta fin da bambini e da come si è incitati e incoraggiati a esprimere sé stessi e le proprie emozioni.

Si tende a parlare di sentimenti di più (qualitativamente e quantitativamente) con le bambine rispetto ai bambini. Questo si ripercuote in modelli di genere che si manifestano in stereotipi di genere.

E non solo verso gli uomini.

Certamente anche verso la figura della donna. Essa è infatti vista come debole, sensibile, che ha bisogno di dipendere da qualcuno appunto, un vero uomo.

Questi atteggiamenti producono pressione sociale e conformità verso modelli di comportamenti socialmente condivisi.

Personalmente penso che i veri uomini siano quelli che trovano il coraggio di andare controcorrente, esibendo e parlando di emozioni, di fragilità, di quella vita interna in cui tutti noi navighiamo quotidianamente.

Non è facile, ma può essere bellissimo. 

Fonti

Ons.gov.uk. 2020. Suicides In The UK – Office For National Statistics. [online] Available at: <https://www.ons.gov.uk/peoplepopulationandcommunity/birthsdeathsandmarriages/deaths/bulletins/suicidesintheunitedkingdom/2018registrations

Ritchie, H., Roser, M. and Ortiz-Ospina, E., 2020. Suicide. [online] Our World in Data. Available at: <https://ourworldindata.org/suicide

Rivera, A., & Scholar, J. (2020). Traditional Masculinity: A Review of Toxicity Rooted in Social Norms and Gender Socialization. Advances in Nursing Science43(1), E1-E10.

https://www.bbc.com/future/article/20190313-why-more-men-kill-themselves-than-women

http://dati.istat.it/#

Lascia un commento