You are currently viewing La sindrome pre mestruale (PMS): luoghi comuni sugli sbalzi d’umore

La sindrome pre mestruale (PMS): luoghi comuni sugli sbalzi d’umore

Per Sindrome Premestruale (PMS) si intende un’entità clinica caratterizzata da sintomi di tipo emozionale, fisico e comportamentale che hanno un andamento ciclico, un’intensità variabile e sono in stretta relazione con il periodo post-ovulatorio del ciclo mestruale.

Il disturbo, nella sua forma più grave, interessa dal 2% al 10% di donne in età fertile, mentre le donne che accusano sintomi più lievi costituiscono dal 30% all’80%.

Il termine fu inserito nel 1987 nella sezione dei “Disturbi Depressivi Non Altrimenti Specificati” della III Edizione Rivisitata del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali.

Negli ultimi anni la psichiatria si è interessata alla PMS a causa della prevalenza di disturbi dell’umore, in alcuni casi così gravi da un punto di vista affettivo e cognitivo, da essere paragonati ai sintomi riferiti nei pazienti affetti da depressione.

È estremamente importante che una donna con disturbi premestruali sia attentamente seguita, per poter distinguere la PMS da disturbi mentali, che necessitano di una cura adeguata.

Tra i sintomi della Sindrome Premestruale si citano principalmente

  • stanchezza
  • ansia
  • depressione
  • irritabilità
  • improvvise crisi di pianto
  • minore energia
  • problemi di concentrazione
  • perdita di interesse per attività solitamente piacevoli.

La sindrome può essere attenuata grazie a rimedi naturali (vitamine, sali minerali, tisane a base di erbe ecc.) o cure farmacologiche (ibuprofene e naproxene ad esempio), c’è anche poi chi consiglia di praticare sport e tecniche di respirazione.

Chiaramente ogni indicazione più specifica dovrà essere fornita da un* professionista specializzat*.


*in questo post si parlerà di mestruazioni e lo si farà al femminile per semplificare, ma è doveroso ribadire che anche alcuni uomini transgender hanno il ciclo mestruale e sono inclusi in questo discorso.

La PMS è spesso accompagnata da luoghi comuni riguardo lo stato emotivo delle donne, nella fattispecie sono frequenti commenti come “sei nervosa, hai il ciclo?”, “sei troppo emotiva”, “contieni la tua rabbia”.

Questo tipo di commenti sono fatti anche al di fuori del ciclo mestruale, con lo scopo di invalidare le donne poiché considerate troppo instabili per essere razionali.

In realtà ciò che avviene durante la Sindrome Premestruale sono delle oscillazioni ormonali, alla base di sbalzi d’umore

Andiamo a vedere quali sono questi ormoni.

  • ESTROGENI

se vi sono livelli bassi di estrogeni prima delle mestruazioni si ha di rimando una diminuzione della serotonina, un neurotrasmettitore responsabile dell’umore, conosciuto anche con il nome di “ormone del buonumore”.

Con i livelli bassi si è quindi soggette a depressione, ansia, attacchi di panico, stress, paura.

Senza contare una più alta sensibilità al dolore fisico.

  • PROGESTERONE

questo ormone prima di cadere in picchiata raggiunge il suo picco, ed è proprio per questo motivo che circa dieci giorni prima delle mestruazioni si avverte una sensazione di malinconia.

  • DOPAMINA E ACIDO Y-AMMINOBUTIRRICO

sono dei neurotrasmettitori, che se presentano una bassa concentrazione, determinano un cambiamento dell’umore che conduce ad ansia, irritazione e tristezza.

Alla luce di queste premesse scientifiche restano comunque tutta una serie di stereotipi con radici molto antiche, addirittura secolari, che portano con sé il concetto della donna imprevedibile, senza alcun tipo di autocontrollo su sé stessa e le sue scelte (come spesso accade anche alle donne incinte).

Tutto questo porta a riflettere su due punti:

1. le donne che soffrono di PMS (in forma grave e non) devono essere comprese, dando validità alle loro emozioni e trattando la cosa come un vero e proprio disturbo, quindi con dignità.

2. come già anticipato, i commenti invalidanti di cui sopra scritto, sono utilizzati anche senza la presenza del ciclo mestruale. In questo modo accade che le donne vengono, ancora una volta, zittite e non prese sul serio.

In conclusione, bisogna comprendere che si può essere nervose, arrabbiate, tristi ecc. a causa della PMS, ma non per forza ogni sbalzo d’umore va ricondotto a questo.

Non è di certo una regola che vale per tutte e nemmeno con la stessa frequenza ed intensità.

FONTI:
https://www.stateofmind.it/2018/01/sindrome-premestruale-disturbi-affettivi/
DSM-IV Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali. Milano: Masson, 1996
Beni, M.C., Bravi, D., & Colzi A.. Fluoxetina e Sindrome Depressiva Premestruale. Clinica Psichiatrica I Università di Bologna Direzione Medica Eli Lilly S.p.A.. Vol 6, Marzo 2000, file 1, 1-10
Morrison J., Disturbi Psichici e Malattie Organiche – I problemi psicologici che nascondono una condizione medica. Milano: McGraw-Hill Libri Italia, 1998

https://www.xn--mestruazionisenzatab-gdc.it/2018/10/sbalzi-dumore-durante-il-ciclo-come-incidono-gli-ormoni-sulle-emozioni-e-il-comportamento/https://www.my-personaltrainer.it/rimedi/sindrome-premestruale.html

Lascia un commento