Al momento stai visualizzando EUduxo 2Weeks – 7 Dicembre
EUduxo

EUduxo 2Weeks – 7 Dicembre

Benvenutз alla nostra rubrica settimanale dedicata alle ultime notizie dalle istituzioni dell’Unione Europea! 🇪🇺 In un contesto in continua evoluzione, dove le decisioni prese a Bruxelles influenzano le vite di milioni di cittadinз europei, è fondamentale rimanere informatз sulle ultime dinamiche e sviluppi che caratterizzano il panorama politico dell’UE.

Ogni settimana, vi aggiorneremo su temi cruciali come politiche economiche, legislazione in discussione, iniziative ambientali, collaborazioni internazionali e molto altro. La nostra missione è offrirvi un resoconto esauriente e obiettivo delle decisioni prese dalle istituzioni europee, fornendovi le informazioni chiave per comprendere il contesto e partecipare attivamente al dibattito pubblico.

Siamo entusiasti di essere il vostro punto di riferimento per le ultime notizie che plasmano il futuro dell’Unione Europea. Grazie per essere con noi in questa avventura informativa settimanale e per contribuire a mantenere viva la consapevolezza sulle questioni europee che ci coinvolgono tuttз. 📊📰

Buona lettura e alla prossima settimana con le ultime aggiunte direttamente dalla capitale europea! 🌍✨

Cosa e’ successo nelle ultime due settimane?

NEWS DAL PARLAMENTO EUROPEO 

  • Dal 27 novembre al 04 dicembre si è tenuta la settimana (Disability Rights Week) dedicata ai diritti delle persone con disabilitá organizzata dal Parlamento Europeo, il cui obiettivo è diffondere consapevolezza e sensibilizzare tutte le personз sul tema dei diritti di chi è affettз da una qualche forma di disabilità.

Fonte: Freepik

  • Giovedì 23 novembre il Parlamento Europeo ha adottato tre risoluzioni per contrastare il problema della violazione dei diritti umani in Iran, Niger and Georgia. L’Unione Europea condanna fortemente le violazioni ai danni dei civili nei tre stati sopra menzionati.
  • Martedì 29 novembre il Parlamento e il Consiglio europeo hanno stabilito nuove misure per ridurre le emissioni industriali, ponendo nuovi obiettivi da raggiungere entro i prossimi anni.
  • Oggi, 7 dicembre dalle 10 alle 10.30 presso la sala stampa del parlamento europeo Anna Politivskaya (SPAAK 00A50) si svolgerà la conferenza stampa sugli esiti del trilogo dell’AI Act con gli europarlamentari Brando Benifei (S&D) e Dragoş Tudorache (RENEW EUROPE). Per collegarsi: https://ep.interactio.eu/66e2-hy1p-1w4u 
  • Il Parlamento europeo ha pubblicato oggi il sondaggio Parlemeter 2023 che mostra il continuo sostegno dei cittadini all’UE e un maggiore interesse per le prossime elezioni europee. 

L’Italia non e’ affatto soddisfatta di come stanno andando le cose nel proprio paese, ed e’ pero piu’ soddisfatta di come vanno le cose in UE. 

Oltre sette cittadini su dieci ritengono che il loro Paese abbia tratto beneficio dall’appartenenza all’UE. I motivi principali citati dagli intervistati sono il contributo dell’UE al mantenimento della pace e al rafforzamento della sicurezza (34%) e il miglioramento della cooperazione tra i Paesi dell’Unione (34%). Per i cittadini italiani, invece, il maggiore beneficio deriva dall’avere una voce più forte nella politica estera (31%).   Il 72% dei cittadini dell’UE ritiene che il proprio Paese abbia tratto beneficio dall’appartenenza all’UE e il 70% crede che le sue azioni abbiano un impatto sulla propria vita. Più della metà dei cittadini dell’UE (57%) è già interessata alle prossime elezioni europee, che si terranno dal 6 al 9 giugno 2024. Secondo i cittadini, le priorità politiche sono: lotta alla povertà (36%), salute pubblica (34%), cambiamento climatico e sostegno all’economia (entrambi 29%). Presto arrivera’ una newsletter dove ci sara’ anche un approfondimento sull’Eurobarometro.

È TUTTO, DAL BERLAYMONT (COMMISSIONE EUROPEA)

  • Il 24 Novembre la Commissione ha presentato una serie di buone prassi per garantire l’efficacia del Regolamento di Dublino III, che regola la cooperazione tra gli Stati membri in materia di procedure di asilo definite dall’UE. Queste misure comprendono la comunicazione ai richiedenti di informazioni dettagliate sul trasferimento, la garanzia di un controllo più rigoroso di ciascun trasferimento, il ricorso a misure alternative al trattenimento, il miglioramento della comunicazione tra lo Stato membro che provvede al trasferimento e lo Stato membro competente ed infine il potenziamento dei sistemi informatici esistenti. Sullo stesso piano, la Commissione ha approvato nella stessa giornata lavorativa delle raccomandazioni per una maggiore cooperazione tra gli Stati membri nella risposta alle minacce gravi per la sicurezza interna e l’ordine pubblico nello spazio Schengen.
  • Dal 28 Novembre al 1 dicembre la Commissione ha ospitato a Vilnius, Lituania, una conferenza di alto livello (high-level conference) sulla ripresa verde in Ucraina. Con questo incontro, la Commissione Europea intende aiutare l’Ucraina ad allineare la sua legislazione ambientale all’acquis dell’EU e a creare strutture amministrative per far rispettare e attuare tale quadro normativo. I danni ambientali causati dalla guerra della Russia contro l’Ucraina hanno conseguenze devastanti per le infrastrutture essenziali, le risorse naturali, gli ecosistemi critici e la salute, i mezzi di sussistenza e la sicurezza delle persone. La conferenza mira a offrire a tutte le principali parti interessate un approccio olistico alla ripresa verde e alla ricostruzione dell’Ucraina (sustainable reconstruction). Tuttavia, la conferenza costituisce anche una strategia, in quanto avviene a seguito dell’ adozione del pacchetto allargamento 2023, in cui la Commissione ha raccomandato l’avvio dei negoziati di adesione con l’Ucraina.
  • L’UE organizza 6 nuovi voli umanitari per Gaza e invia aiuti ai Paesi vicini: La Commissione Europea continua a intensificare gli aiuti umanitari in risposta all’attuale crisi in Medio Oriente. Nel mese di dicembre, l’UE prevede di organizzare sei nuovi voli umanitari per consegnare aiuti essenziali alle persone bisognose di Gaza. Questo porta il totale delle forniture fornite dall’UE a oltre 1.000 tonnellate, con 30 voli di trasporto aereo umanitario pianificati finora. Questi ultimi voli trasporteranno, tra l’altro, ripari, forniture igieniche e mediche fornite dai partner umanitari, oltre alle donazioni di Belgio, Irlanda, Germania, Grecia, Lussemburgo, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Per garantire una risposta completa alla crisi, l’UE sta anche intensificando il sostegno al sistema sanitario egiziano per far fronte all’afflusso di sfollati da Gaza. Attraverso il Meccanismo di protezione civile dell’UE, l’UE sta facilitando le offerte di assistenza all’Egitto da parte di Svezia, Spagna, Austria, Polonia, Italia e Germania. Una nave italiana che trasportava materiale medico è arrivata in Egitto il 3 dicembre. Il resto degli aiuti sarà consegnato nelle prossime settimane.
  • EU4Health concede 4 milioni di euro per migliorare l’assistenza sanitaria ai rifugiati e agli sfollati ucraini sotto protezione temporanea: La Commissione europea lancia oggi un progetto finanziato con 4 milioni di euro dal programma EU4Health, per contribuire a migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria per i rifugiati e gli sfollati ucraini che beneficiano di protezione temporanea in Bulgaria, Estonia, Lettonia, Lituania, Moldova, Polonia, Romania, Slovacchia e Ungheria. Il progetto è sostenuto dalla Commissione, insieme all’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Avrà una durata di 24 mesi e mira a rafforzare la capacità dei sistemi sanitari nazionali di far fronte all’afflusso di persone in fuga dalla guerra in Ucraina e a migliorare l’accesso dei pazienti ai sistemi sanitari nazionali durante il periodo di protezione temporanea. La Commissaria Stella Kyriakides ha dichiarato: “Mentre la guerra illegale della Russia in Ucraina continua, quasi 5 milioni di rifugiati ucraini sono stati registrati per la protezione temporanea in tutta l’UE e hanno diritto ad assistenza e cure mediche. Poiché continuano ad arrivare nell’UE altre persone in fuga dalla guerra, dobbiamo garantire che i sistemi sanitari degli Stati membri e dei Paesi più vicini all’Ucraina abbiano la capacità di fornire assistenza medica a chi ne ha bisogno. Questa iniziativa è un chiaro segnale che continueremo a stare al fianco dell’Ucraina, del suo popolo, dei nostri Stati membri e dei nostri partner per tutto il tempo necessario”.
  • Con 24 milioni di euro HERA sostiene lo sviluppo di dispositivi diagnostici per le malattie respiratorie: Per rafforzare la cooperazione transatlantica in materia di preparazione e risposta alle minacce per la salute pubblica, l’Autorità per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA) della Commissione e l’Autorità statunitense per la ricerca avanzata e lo sviluppo in campo biomedico (BARDA) hanno fissato l’obiettivo comune di promuovere lo sviluppo di dispositivi diagnostici di nuova generazione in grado di rilevare nuovi virus respiratori. HERA e BARDA hanno coordinato i finanziamenti per l’innovazione con l’obiettivo di portare questi dispositivi direttamente negli ospedali, senza la necessità di un laboratorio centralizzato. La ricerca di nuovi agenti patogeni fin dall’inizio dei focolai di malattia accelera notevolmente la risposta della sanità pubblica. Spesso i casi di malattie virali e batteriche non vengono collegati rapidamente all’agente patogeno responsabile. I dispositivi diagnostici potrebbero cambiare questo scenario, consentendo opzioni di trattamento più precise e specifiche per l’agente patogeno, fornendo valore clinico per il trattamento delle malattie infettive in corso e della resistenza antimicrobica (AMR). HERA sostiene lo sviluppo di tali dispositivi con 24 milioni di euro nell’ambito del bando “accelerare lo sviluppo e l’accesso alle contromisure mediche innovative”, aperto fino al 18 dicembre e gestito dall’Agenzia esecutiva europea per la salute e il digitale, HaDEA. Il BARDA. La Commissaria Stella Kyriakides ha dichiarato: “La pandemia COVID-19 ha dimostrato quanto sia importante una diagnostica efficace per individuare rapidamente e rallentare la progressione di un nuovo virus. Questo accordo tra HERA e BARDA è fondamentale per fornire gli strumenti necessari a individuare tempestivamente le minacce per la salute e sostenere una risposta sanitaria più rapida per proteggere i nostri cittadini. Rappresenta un altro passo importante nel rafforzamento della nostra preparazione alle future minacce sanitarie, che è alla base di una forte Unione Europea della Salute che protegge i suoi cittadini.
  • Il futuro dell’agricoltura europea alle prime Giornate agroalimentari dell’UE 2023 (EU Agri-Food Days (europa.eu): Le prime Giornate agroalimentari dell’UE, organizzate dalla Direzione generale dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale della Commissione europea, si svolgeranno dal 5 all’8 dicembre 2023. L’evento offre una piattaforma per affrontare le sfide attuali e future del settore agroalimentare europeo, esplorando come la Politica agricola comune e il Patto verde dell’UE possano contribuire a creare un’agricoltura più verde, più equa e più competitiva in Europa. Il 6 dicembre, la Presidente Ursula von der Leyen e il Commissario per l’Agricoltura Janusz Wojciechowski apriranno le Giornate agroalimentari dell’UE e la Conferenza Prospettive 2023 con discorsi sul futuro dell’agricoltura.  L’edizione 2023 delle Giornate agroalimentari dell’UE comprende la Conferenza sulle prospettive agricole dell’UE “Seminare il futuro dell’agricoltura dell’UE”, il 6 e 7 dicembre, e la Conferenza Agri-Digital “Trasformazione digitale per gli agricoltori e le comunità rurali per un futuro sostenibile”, l’8 dicembre. Questo evento internazionale si propone di riunire agricoltori, responsabili politici, imprenditori, analisti ed esperti di tutto il mondo per facilitare il dialogo e ispirare idee trasformative. Questo evento internazionale si propone di riunire agricoltori, responsabili politici, imprenditori, analisti ed esperti di tutto il mondo per facilitare il dialogo e ispirare idee trasformative. L’evento si svolgerà a Bruxelles e sarà trasmesso anche via web. Non è richiesta la pre-registrazione.

EEAS

L’Alto Rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza Josep Borrell ha tenuto il 29 Novembre un discorso sullo ‘state of play’ delle relazioni politiche, economiche e commerciali con la Turchia. In tempi recenti la Turchia si è dimostrata indispensabile nella cooperazione tra l’Unione Europea e altri paesi, primo fra tutti nella negoziazione con la Russia e l’esportazione di grano dall’Ucraina, e perciò l’UE sente di rinforzare la loro partnership. Sono stati sottolineati i problemi che hanno interessato il Paese, come la questione di Cipro e le relative dispute con la Grecia, ma questi dovranno essere superati per garantire una reciproca sicurezza tra Turchia e Unione Europea, specialmente in aree come il Mediterraneo orientale. 

Dopo la Brexit, il Regno Unito ha sospeso molti progetti riguardanti o finanziati dall’Unione Europea. Il 4 Dicembre ha però approvato un accordo con l’UE che garantirà aз ricercatorз inglesi la possibilità di partecipare al fondo Horizon Europe. 

WHAT OUR HEADS OF STATE AND GOVERNMENT SAY – RUE DE LA LOI UPDATE (CONSIGLIO EUROPEO)


Fonte: Commissione Europea

  • L’UE e la Cina discutono di relazioni bilaterali e crisi internazionali in un mondo in evoluzione al Vertice dei leader: Oggi 7 dicembre, l’Unione europea e la Cina terranno il loro 24° vertice bilaterale a Pechino, in Cina. La Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, accompagnati dall’Alto rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell, discuteranno con il Presidente Xi Jinping, seguito da uno scambio con il Premier Li Qiang. I leader dovrebbero discutere di relazioni bilaterali, tra cui commercio e investimenti, clima, ambiente e digitale, nonché di diritti umani. I leader discuteranno anche di questioni internazionali e di governance globale, tra cui la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, la situazione in Medio Oriente e altre questioni internazionali e regionali, nonché le sfide globali. Dopo il Vertice, la Presidente von der Leyen e il Presidente Michel terranno una conferenza stampa alle 13:00 circa. Per ulteriori informazioni sulle relazioni UE-Cina, visitare il sito web della delegazione UE a Pechino.

WHAT OUR MINISTERS SAY (CONSIGLIO DELL’UNIONE EUROPEA)

  • Alla luce del piano di lavoro dell’Unione europea per la cultura 2023-2026, il 24 Novembre il Consiglio ha approvato alcune conclusioni sul rafforzamento della dimensione culturale e creativa del settore europeo dei videogiochi. L’industria dei videogiochi è infatti un settore economico in forte espansione e a livello europeo viene considerato come un contributo al PIL, alla creazione di posti di lavoro, alla creatività e all’innovazione. Il Consiglio invita inoltre la Commissione Europea a promuovere la parità di genere nel settore.
  • In data 24 novembre il Consiglio dell’Unione Europea ha approvato le conclusioni su donne e uguaglianza nel mondo dello sport, per combattere le discriminazioni e le violenze legate al genere. Il lavoro dell’Unione Europea si è concentrato sulla promozione femminile dell’accesso allo sport e alla rappresentanza nell’ambito dirigenziale. Inoltre, si invitano gli stati membri a far sì che anche le donne possano avere un accesso paritario allo sport, per evitare disuguaglianze di trattamento. Il Consiglio invita altresì gli stati membri ad aumentare gli strumenti di protezione delle vittime di violenza in ambito sportivo e consiglia una maggior copertura mediatica degli sport femminili per aumentarne la visibilità, soprattutto tramite l’uso del servizio pubblico. Infine, raccomanda pari investimenti nello sport maschile e femminile. In questo modo lo sport può contribuire all’emancipazione della donna e alle pari opportunità in ambito lavorativo sportivo, sia a livello professionistico che dirigenziale. Già nel 2020 la Commissione Europea aveva comunicato le misure per raggiungere un’effettiva uguaglianza fra generi nell’UE. Le conclusioni approvate dal Consiglio sono infatti coerenti con la strategia di “Un’Unione dell’Uguaglianza: la strategia per la parità di genere 2020-2025”. 

Grazie per averci accompagnato in questa settimana di aggiornamenti cruciali dalle istituzioni dell’Unione Europea. La vostra costante partecipazione a questa rubrica settimanale è fondamentale per mantenere viva la discussione e promuovere una comprensione approfondita delle dinamiche europee.

Continuate a seguirci per rimanere informati su ciò che accade a Bruxelles e oltre. Siamo qui per fornirvi un’analisi accurata e obiettiva delle decisioni che plasmano il nostro futuro comune!

Vi incoraggiamo a condividere le vostre opinioni e domande, contribuendo così a rendere questa rubrica uno spazio di discussione dinamico e inclusivo. La vostra partecipazione è essenziale per mantenere viva la voce dei cittadini europei.

Grazie ancora per la vostra fiducia e partecipazione. Ci vediamo nella prossima edizione con ulteriori aggiornamenti e approfondimenti dalle istituzioni europee. Buon weekend a tutti e stay tuned per l’uscita della newsletter mensile EUduxo il 20 del mese! 🌐👋

Autore

Lascia un commento